Andrea Mura: le mie considerazioni dopo il voto

COMUNICATO STAMPA
Andrea Mura: le mie considerazioni dopo il voto

Cagliari, 5 marzo 2018

Ecco il messaggio che Andrea Mura, skipper e velista di successo, affida alla stampa dopo i risultati che lo vedono tra gli eletti alla Camera dei Deputati nel collegio di Cagliari.

Oggi che ho tagliato la linea del traguardo di questa lunga e complessa campagna elettorale insieme ai miei amici del Movimento 5 Stelle, desidero ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto e che hanno creduto in me.

Io sono Andrea Mura, quello che ha tenuto alto l’onore e il prestigio della Sardegna e dell’Italia attraverso le proprie imprese, con un’imbarcazione che nella scelta del nome e nella grafica dello scafo, caratterizzata dallo stemma e dai colori dei Quattro Mori, ha rappresentato la testimonianza dell’appartenenza ad una terra e alla sua identità, investendo tutte le proprie risorse per portare alta la nostra bandiera in giro per il mondo, perché questo è sempre stato il mio sogno e oggi continuerò a farlo da sportivo e da politico.

Questa valanga di voti mi riempie di gioia e mi dà la forza di portare avanti con estrema responsabilità le aspettative della gente.

Metterò a disposizione con passione tutte le mie competenze acquisite in una vita dedicata allo sport e alla promozione della nostra terra, sacrificando tutto per raggiungere gli obiettivi con dignità e orgoglio come ho sempre fatto.

Durante questa campagna elettorale ho imparato tante cose. E’ stata forse l’impresa più difficile da affrontare, dovendomi scontrare con avversari pronti a tutto, senza aver alcun rispetto per la persona.

Non è stata una vittoria facile avendo voluto scegliere fino all’ultimo di seguire le regole pulite che lo sport mi ha insegnato, con una campagna elettorale sobria, rispettando tutti coloro che hanno riconosciuto in primis il valore della mia persona.

Grazie a tutti.

Andrea Mura

By | 2018-03-05T15:36:27+00:00 marzo 5th, 2018|Non categorizzato|Commenti disabilitati su Andrea Mura: le mie considerazioni dopo il voto